Siena dall'alto: piazza del campo
Viaggio

Siena, come trascorrere 24 ore in città in relax

Buongiorno e buon martedì! Devi sapere che con Ge quando desideriamo, o meglio abbiamo bisogno, di una vacanza in totale relax, diciamo siamo alla ricerca di un comfort travel, senza pensarci troppo, prenotiamo un volo per l’Italia. Questo racconto di viaggio a Siena inizia proprio così, dall’esigenza di staccare la spina.

Ero stata già a Siena qualche tempo fa, era la tappa di uno dei miei primi viaggi on the road, ma ero rimasta in città solo poche ore e non avevo potuto godere a pieno delle tante bellezze che questo bel angolo d’Italia ha da offrire. Ho amato così tanto questo viaggio e questa parte di Toscana che ci ritornerei volentieri anche una terza volta.

Ma ora basta chiacchiere, è tempo di preparare la valigia: si parte! 😉


Due giorni in relax a Siena

Cosa non devi assolutamente perdere a Siena

Se questa è la tua prima volta a Siena, ti sarà utile sapere che troverai le principali e più famose attrazioni della città nella zona compresa tra Piazza del Campo e Piazza Duomo. Quindi, senza nemmeno pensarci troppo, dirigiti direttamente verso questa area e tienila come punto di riferimento nell’organizzazione del tuo viaggio.

Prima di partire, o anche solo per curiosità, ti consiglio di fare una passeggiata virtuale in città. Ti assicuro, renderà il tuo viaggio ancora più interessante. Qui il sito per il tour virtuale di Siena.




1. Piazza del Campo

La prima tappa del nostro weekend a Siena non poteva che essere Piazza del Campo. La sua particolare forma a conchiglia e il suo color mattone avvolgente e caldo, dato dalla pavimentazione in cotto e dal rivestimento dei palazzi che vi si affacciano, la rendono estremamente particolare e unica nel suo genere. Come se non bastasse così tanta bellezza, a rendere Piazza del Campo celebre in tutto il mondo, ci ha pensato il famoso Palio di Siena, che due volte l’anno si tiene proprio qui. Passeggia attorno la piazza, siediti e goditi la bellezza intramontabile di questo luogo.

Tra i palazzi che si affacciano su Piazza del Campo non puoi perderti il Palazzo Comunale, sede del museo civico (l’ingresso è gratuito, ma ci sono delle restrizioni a causa della pandemia, maggiori info le trovi qui) e la Torre del Mangia, simbolo di potere e di eleganza della città, dal quale si gode di uno dei più belli panorami su Siena. Purtroppo ho letto che, a causa dell’emergenza sanitaria, la Torre è attualmente chiusa, sito di riferimento.



2. Piazza Duomo

Addentrandoti nei vicoletti, poco distante da Piazza del Campo, percorrendo via del Capitano giungerai facilmente all’inconfondibile Piazza del Duomo. A riempire la piazza è certamente il candito Duomo, ma tutto intorno si affacciano edifici di altrettanta bellezza e importanza storica.

Subito davanti la facciata della chiesa si erge Santa Maria della Scala, uno dei più antichi ospedali d’Europa, sorto nel medioevo come ospedale per i pellegrini è oggi un luogo dedicato all’arte e alla cultura.

Seguendo il fianco destro del Duomo, attraversando la piazza si giunge al Museo dell’Opera del Duomo. La galleria espone su tre piani opere e capolavori provenienti dalla cattedrale.

Attraverso due rampe di scale a chiocciola poste all’interno del museo, si giunge alla terrazza sul Facciatone, resto imponente e solitario del maestoso progetto mai terminato di Siena, il Duomo Nuovo. Da qui si gode di una straordinaria, e a mia avviso imperdibile, vista sul Duomo, su Piazza del Campo e sulla città di Siena.


3. Il magnifico Duomo di Siena

Maestoso, quasi accecante per l’ampio uso di marmo bianco, il Duomo di Siena con la sua ricchissima facciata predomina la piazza e ti rapirà già solo dall’esterno. Senza ombra di dubbio, esso è uno scrigno prezioso, ti consiglio assolutamente di visitarne gli interni, ne rimarrai sbalordita.

Sia l’esterno che l’interno sono a strisce alternate in marmo bianco e nero, mentre nella facciata c’è anche del marmo rosso. Una curiosità: il bianco e il nero sono i colori simbolici della città, ricordano i cavalli bianchi e neri dei fondatori di Siena, Senio e Aschio.

Una volta entrata nel Duomo, la prima cosa che certamente rapirà la tua attenzione è il pavimento: 56 riquadri che rappresentano scene incise ed intagliate con maestria nel marmo. I mosaici più preziosi sono coperti per la maggior parte dell’anno, ma in questo periodo (fine agosto, settembre, ottobre) vengono scoperti e posso essere ammirati in tutto il suo splendore. Altri tesori imperdibili del Duomo sono: la Libreria Piccolomini, la Cripta e il Battistero.

Se intendi visitare i monumenti in piazza Duomo ti suggerisco di acquistare, proprio come abbiamo fatto noi, l’OPA SI PASS, un biglietto cumulativo che ti consente di vedere il Duomo, la Cripta, la libreria Piccolomini, il Battistero, il Museo dell’Opera del Duomo e di ammirare il panorama dal Facciatone. Comunque, tutte le informazioni utili: gli orari di apertura, il prezzo dei biglietti, le tipologie di biglietto, ecc… le trovi qui.


Facciata del Duomo di Siena

4. Una passeggiata tra i vicoli

Altra cosa che assolutamente ti consiglio di fare a Siena è di perderti tra i suoi vicoletti. Solo così, secondo me, avrai modo di apprezzare al meglio il vero animo di questa bella città. Lasciati incuriosire dagli stemmi delle diverse contrade, che troverai appesi alle finestre e alle porte delle case e delle botteghe, e entra nei negozietti degli artigiani locali.

Ti segnalo che la via principale dello shopping, dove ci sono diversi negozi di vestiti, borse e scarpe, è via Banchi di Sopra. Ma anche in via Pantaneto ci sono negozietti interessarti.

Se hai bisogno, invece, di un supermercato, nel centro storico puoi trovare dei Conad City, uno su via Pantaneto e l’altro a piazza Matteotti.

Infine, se desideri acquistare prodotti alimentari locali e di alta qualità ti consiglio una tappa al Consorzio Agrario in Via G. Pianigiani.



Buon cibo e ottimo vino, dove trovarli?

Se anche tu, come la sottoscritta, sei del parere che il buon cibo è parte integrante di un viaggio ben riuscito, stai pur certa che Siena, ma del resto tutta la Toscana, non ti deluderà nemmeno da questo punto di vista.

Date le lunghe passeggiate, le soste per merende e chiaramente per i pasti principali, sono state tante e devo dire che sono state sempre molto appaganti, anche se non proprio a buon mercato. Ma del resto, che dire, la qualità si paga!

Iniziamo dalla pausa di mezza mattina, un buon caffè e dei deliziosi pasticcini li abbiamo mangiati alla Pasticceria Peccati di Gola, fuori dalle mura nei pressi di Porta Romana e adiacente al nostro hotel.

Per pranzo abbiamo sempre optato per qualcosa di veloce come un panino, una pizza al taglio o il ciaccino da La Piccola Ciaccineria. Una focaccia farcita buonissima, tipica del senese, che all’esterno appare dorata e croccante, mentre all’interno si mantiene morbida. Prima o poi devo sperimentare in cucina! 😉

Siena ha tante gelaterie, ma un buon gelato lo abbiamo mangiato alla gelateria Venchi, vicinissimo a Piazza del Campo. In effetti, Venchi è sempre una garanzia in tema di gelato e cioccolato.

La cena, la più appagante e ben preparata è stata quella all’osteria La sosta di Violante. Buono anche La taverna di San Giuseppe, ci è stata anche consigliata, ma sinceramente mi aspettavo qualcosa di più.

Del tutto fuori programma, ma sopratutto una gran bella scoperta, è stato il Panificio Il Magnifico, le ciambelle fritte sono da sogno, assolutamente da non perdere. Proprio qui abbiamo fatto scorta anche di Ricciarelli e Panforte per il mio papà, deliziosi anche questi.



Dove dormire a Siena?

Sono sincera, trovare un buon posticino dove dormire a Siena non è stato proprio cosa semplice. I costi sono abbastanza alti e spesso l’offerta non proprio convincente. Avendo poi la macchina, il nostro intendo era quello di trovare un alloggio con parcheggio compreso poiché, come potrai ben capire leggendo di seguito, parcheggiare a Siena non è poi così economico.

La soluzione è stata l’hotel Palazzo di Valli, una bellissima villa ristrutturata di recente, nei pressi di Porta Romana a circa 2 km dal Duomo. Cosa abbiamo apprezzato di questa sistemazione? La cura, la pulizia e la gentilezza dei proprietari. Il parcheggio custodito gratuito. La colazione buona e fresca. La stanza ampia e ben arredata. E la vista spettacolare sulla vallata.


Siena, vista dall'hotel Palazzo di Valli

Come arrivare e come muoversi a Siena

Arrivare a Siena

Siena, grazie alla sua ottima posizione, quasi nel centro della Toscana, può essere raggiunta facilmente dalle altre città della regione (e dalle più grandi città italiane) in auto, in treno e in autobus. Noi siamo arrivati in auto, soluzione più comoda e più flessibile, i nostri aerei avevano degli orari assurdi. Ma comunque, la macchina ci ha permesso di godere anche delle zone limitrofi, che sono assolutamente magnifiche! 😉

In ogni modo, sappi che il centro storico è chiuso al traffico privato (da qualche parte leggevo che Siena ha una delle più antiche ed estese ZTL d’Europa) e quindi devi comunque spostarti a piedi o con i mezzi pubblici. Se prevedi di arrivare in macchina, tienilo presente quando scegli la struttura per il pernottamento: avere il parcheggio compreso fa molto comodo. Tieni presente anche che la stazione di Siena si trova fuori dalla città, ma è collegata molto bene con il centro storico da autobus urbani.



Mezzi pubblici

A viaggiare all’interno della città storica, quella chiusa al traffico, troverai autobus particolari, più piccoli di quelli normali, chiamati Pollicino. Fuori dall’area storica potrai usare gli autobus urbani normali. Altra soluzione è Buxi, un servizio a chiamata che non prevede percorsi fissi, si può prenotare telefonando. Il costo del biglietto per tutte e tre le soluzioni mi sembri essere identico, quello che cambia sono gli orari del servizio. Gli orari, le linee e i costi li trovi qui.


Parcheggiare a Siena

A Siena si possono trovare tre tipologie di parcheggio, che si differenziano in costo e comodità: in garage, in superficie e gratuiti in strada. Potrebbe esserti utile sapere che, se si soggiorna in una struttura ricettiva di Siena, si può usufruire di una tariffa giornaliera scontata. Il parcheggio più comodo (c’è una scala mobile sotterranea) per raggiungere velocemente Piazza del Campo e Piazza Duomo è il parcheggio Santa Caterina. Infine, mi è stato detto che nei pressi della stazione ci sono dei parcheggi gratuiti in strada.

Tutte le informazioni riguardanti questo argomento le trovi qui.


Portone dei vicoli di Siena

Concludendo

Per concludere questo racconto di viaggio, non posso che sottolineare il fatto che io ho amato profondamente questa città e che, proprio come dicevo nelle prime righe, ci ritornerei tanto volentieri.

Tu sei mai stata a Siena? Hai qualche consiglio da aggiungere? Scrivimi tutto nei commenti, potrebbe essermi utile per un prossimo viaggio e per gli altri lettori del blog! 😉

Hai voglia di viaggiare, ma questo non è proprio il periodo giusto? Prova un viaggio virtuale, pensa non serve nemmeno fare la valigia. Su, su non essere pigra prova, vieni ad Amburgo, ti aspetto per un caffè.

Come sempre ti aspetto anche sulle pagine social del blog: Facebook e Instagram. Invece, Se sei in cerca di ispirazione, segui le mie bacheche su Pinterest: ogni giorno aggiungo ricette, idee viaggio e DIY che scovo sul web. Se ti fa piacere condividi il mio post su i tuoi social, aiuti me e il mio blog a crescere!

Buona continuazione di giornata, a presto.

12 commenti

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: