Ricetta originale dei Casunziei all'ampezzana
Ricette,  Cucina Italiana

Casunziei all’ampezzana, i ravioli a mezzaluna tipici di Cortina D’Ampezzo

Buongiorno e buon San Valentino. Oggi porto sul blog i casunziei all’ampezzana, un primo piatto della tradizione culinaria di Cortina d’Ampezzo dal sapore avvolgente e delicato. Dei ravioli a forma di mezzaluna, preparati con pasta all’uovo tirata molto fine, il cui ripieno è costituito da patate lesse e barbabietola rossa, conditi poi con burro fuso e semi di papavero. Prepararli in casa non è complicato e nemmeno troppo laborioso, il risultato finale sarà una goduria per occhi e palato.

Mi pare di aver capito che questo tipo di pasta ripiena per lo più di vegetali, chiamati anche casoncelli, è molto diffusa in tutta la zona alpina tra Veneto, Lombardia e Trentino. Sono una preparazione che veniva riservata ai giorni festivi e che, a seconda della stagione, variano il colore del ripieno: rosso in inverno con barbabietole, patate e semi di papavero; verde in estate con spinaci selvatici e ricotta; giallo in autunno con la zucca.

Ma ora basta chiacchiere, allaccia il grembiule, partiamo! 😉


Ravioli delle Dolomiti con rapa rossa o barbabietola conditi con burro e semi di papavero

Casunziei all’ampezzana, ingredienti e procedimento

Ravioli senza carne con ripieno rosso alla barbabietola
Stampa Salva
5 da 2 voti

Casunziei all’ampezzana, ricetta tradizionale

Casunziei all'ampezzana, primo piatto della tradizione culinaria di Cortina d'Ampezzo, sono dei ravioli a forma di mezzaluna, preparati con pasta all’uovo tirata molto fine, ripieni di patate lesse e barbabietola rossa e conditi poi con burro fuso e semi di papavero.
Portata Primo piatto
Cucina Italiana
Preparazione 30 minuti
Cottura 5 minuti
Riposo (consigliato) 30 minuti
Tempo totale 1 ora 5 minuti
Porzioni 4 porzioni
Costo basso

Utensili

  • Macchina tira pasta
  • Coppa pasta da 8 cm di diametro

Ingredienti

Per la pasta

  • 200 g di farina 00
  • 2 uova medie

Per il ripieno

  • 200 g di barbabietola rossa
  • 180 g di patate (puoi sostituire 100 g di patate con la stessa quantità di rapa bianca o gialla)
  • q.b di sale

Per il condimento

  • 70 g di burro salato
  • 1 cucchiaio di semi di papavero

Procedimento

Prepara la pasta all'uovo

  • Versa la farina in una ciotola, fai la fontanella centrale e aggiungi le uova. Inizia ad amalgamare gli ingredienti con una forchetta e se necessario aggiungi 1-2 cucchiai d’acqua. Quando i liquidi saranno assorbiti, trasferisciti su una spianatoia e lavora fino a ottenere un panetto liscio e non appiccicoso. Copri con la ciotola rovesciata e fai riposare per almeno mezzora.

Prepara il ripieno

  • Lessa in due pentole separate le patate e la rapa sbucciata. Quando pronta sbuccia a schiaccia con una forchetta le prime e passa al mixer (lavorando a impulsi) la rapa.
  • Unisci le verdure in una ciotola, aggiusta di sale e fai raffreddare completamente.

Prepara e cuoci i casunziei

  • Riprendi la pasta e tirala con una macchina tira pasta fino allo spessore più sottile. Con un coppa pasta del diametro di 8 cm coppa dei cerchi di sfoglia.
  • Poni al centro di ogni disco un cucchiaino d'impasto, richiudi su se stesso formando una mezza luna e infine sigilla premendo con i rebbi di una forchetta.
  • Porta sul fuoco una pentola capiente con abbondante acqua fredda e fai bollire. Sala e cuoci i ravioli fino a che non torneranno a galla.
  • Sciogli il burro in una padella, aggiungi i semi di papavero, i casunziei scolati e mescola con delicatezza. Impiatta.

Video Ricetta


Accorgimenti e note

Quando fai la pasta all’uovo non aggiungere troppa acqua all’inizio, lavora il composto e poi ti regoli di conseguenza, il panetto deve risultare sodo e non appiccicoso. Non saltare il riposo.

Se ti è più comodo adopera la barbabietola precotta, elimina i succhi e tritala o grattugiala finemente. Puoi usare un mixer da cucina, ma lavora a impulsi, devi ottenere un composto grossolano, non cremoso. Puoi sostituire 100 g di patate con la stessa quantità di rapa bianca o gialla. Se il ripieno dovesse risultare eccessivamente morbido, puoi aggiungere un po’ di pane grattugiato.

Puoi preparare i casunziei all’ampezzana con un giorno di anticipo, ma fa attenzione il ripieno tende a farli attaccare alla spianatoia. In alternativa puoi prepararli, scottarli un paio di minuti, farli raffreddare e congelarli separati su un vassoio. All’occorrenza cuoci da congelati in acqua bollente e condisci poi come da ricetta.



Differenze tra rapa rossa e barbabietola rossa

Ti confido che preparando questa ricetta mi è venuto un dubbio: barbabietola e rapa rossa sono lo stesso ortaggio?

Bene, ho finalmente capito. No, rapa rossa e barbabietola rossa non sono lo stesso tubero. 😉

Credo però di non essere la sola a fare confusione, indubbiamente si somigliano, forse bisognerebbe guardare foglie e fiori per capirci qualcosa. In ogni modo i due ortaggi non sono nemmeno parenti alla lontana, la rapa infatti appartiene alla famiglia delle crucifere, mentre la barbabietola è una varietà di bieta.

La differenza sostanziale, a mio avviso, riguarda il gusto. La rapa rossa è croccante, saporita e leggermente piccante. La barbabietola rossa, quella che in genere si trova anche precotta al supermercato, invece è dolce e succosa. Per questo motivo e per il fatto che il suo colore rosso tendente al fucsia che non sbiadisce dopo la cottura, dovuto alla betanina, la barbabietola rossa viene spesso utilizzata in cucina e nell’industria come ingrediente e come colorante naturale (codice E162).


Altre ricette che potrebbero piacerti


Ora ti lascio, ma come sempre ti aspetto sulle pagine social del blog: Facebook e Instagram. Se sei in cerca d’ispirazione segui le mie bacheche su Pinterest: ogni giorno le arricchisco di tanti nuovi contenuti. Se ti fa piacere condividi il post su i tuoi social, aiuti me e il mio blog a crescere! Infine, se ti sarò d’ispirazione e preparerai anche tu i casunziei all’ampezzana o qualsiasi altra ricetta presente sul blog, inviami le foto, sarò felice di condividerle su i canali social del blog, oppure taggami e usa l’hashtag #viaggiocucinando.

Buona continuazione di giornata e buona settimana. Alla prossima ricetta.

2 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating