Tartufi o bocconcini cocco e cioccolato
In Cucina

Bocconcini golosi cocco e cioccolato

Settembre è iniziato e, volente o nolente, è ora di ripartire! Per cominciare nel migliore dei modi ti mostro come preparare un dolcetto goloso e semplicissimo, dei bocconcini (o tartufini) cocco e cioccolato strepitosi.

Io li ho preparati lo scorso weekend, utilizzando gli avanzi (che avevo congelato, te ne parlo meglio dopo la ricetta) della torta al cioccolato e frutti rossi, dolce che avete tanto apprezzato qui sul blog e su Instagram. Chiaramente, come base puoi usare una qualsiasi ciambella/plumcake/torta che, per qualsiasi motivo, vuoi trasformare in qualcosa di diverso.

I bocconcini al cocco e cioccolato sono la coccola perfetta per tante occasioni. Inoltre, sono un’ottima ricetta antispreco e vista, la loro velocità di preparazione, sono perfetti quando si vuole preparare un dolcetto ma si ha poco tempo a disposizione.

Ora basta chiacchiere, ti lascio alla ricetta: fuoco ai fornelli, dobbiamo sciogliere il cioccolato! 😉



Bocconcini cocco e cioccolato, ingredienti e procedimento per 18 pezzi

Ingredienti

Per la base

  • 370 g di ciambella/torta al cioccolato
  • 100 g di cioccolato fondente

Per la decorazione

  • cocco rapè


Procedimento

  1. Inizia sbriciolando con le mani in una ciotola capiente gli avanzi di torta. Devi ottenere delle briciole piuttosto piccole.
  2. Sciogli il cioccolato a bagnomaria, aspetta qualche minuto in modo che si raffreddi leggermente e aggiungine una metà nella ciotola con le briciole.
  3. Amalgama i due ingredienti dapprima con un cucchiaio e poi con le mani. L’impasto deve risultare compatto e non troppo umido, solo se necessario aggiungi ancora cioccolato fuso.
  4. Forma delle piccole palline da circa 18 g.
  5. Tuffale un piatto con del cocco rapè e ricopri bene ogni parte.
  6. Lascia riposare i bocconcini cocco e cioccolato per un paio d’ore prima di servirli.


Accorgimenti e variazioni per ottenere dei bocconcini cocco e cioccolato perfetti

È chiaro che questa ricetta, proprio come quella cake pops al cioccolato bianco, è semplicissima e impossibile da sbagliare. C’è solo una cosa a cui devi prestare attenzione: la quantità di cioccolato fuso da aggiungere alle briciole. Ovviamente, essa dipenderà dal grado di umidità della torta di base. Per cui inizia aggiungendo solo una parte di cioccolato, fallo assorbire dalle briciole e poi valuta se aggiungerne ancora.

I tartufini cocco e cioccolato li puoi conservare in frigo, in un contenitore ermetico, per tre/quattro giorni. Prima di consumarli portarli a temperatura ambiente per una mezz’ora.

Come ti dicevo, puoi cambiare a tuo gusto (o necessità) la base da cui ricavare le briciole. Per ottenere dei dolcetti senza uova, ti consiglio di partire dall’impasto dei quadrotti al cioccolato. Per dei dolcetti senza lattosio, puoi utilizzare la mia torta variegata senza latte. Infine, se desideri preparare dei dolcetti senza glutine, utilizza come base la mia torta soffice all’arancia gluten free.

Ma sai che puoi cambiare anche la decorazione? Se non ti piace il cocco, o vuoi prepararli e non ne hai a disposizione, puoi sostituirlo con del cacao amaro e/o con la granella di frutta secca.


I dolci possono essere congelati?

Spesso, e sopratutto su Instagram, quando dico che congelo i dolci, mi riempite di domande. Ebbene si, i dolci possono essere congelati.

In genere, io mi comporto in questo modo:

  • torte secche, plumcake, muffin: li congelo in mono-porzioni dopo averli cotti e fatti raffreddare bene. Quando desidero mangiarli li lascio scongelare a temperatura ambiente per qualche ora.
  • crostate e crostatine con marmellata/cioccolata: le congelo intere, lasciandole in teglia, dopo averle cotte (spengo il forno una decina di minuti prima del normale tempo di cottura) e fatte raffreddare bene. Quando desidero mangiarle le lascio scongelare a temperatura ambiente per qualche ora e poi le passo in forno caldo a 180°C per una decina di minuti. Questo metodo lo uso spesso per conservare la pastiera napoletana.
  • biscotti e lievitati in monoporzione (tipo croissant): li congelo da crudi, ma già pronti per il forno. Per evitare che si attaccano li faccio congelare in un vassoio distanziati tra di loro, quando ben freddi (ci vogliono un paio d’ore) li pongo in un contenitore ermetico. Quando desidero consumarli, li porto direttamente in forno, senza prima scongelarli, e seguo le indicazioni della ricetta, ma allungo di qualche minuto i tempi di cottura.
  • torte decorate, pasticcini & Co: non li congelo, non mi piace il risultato quando scongelati.


Altre ricette senza cottura che potrebbero piacerti

In Estate si sa, accendere il forno, ma anche semplicemente accendere i fornelli, può diventare “complicato” date le alte temperature che si stanno registrando negli ultimi anni in Italia. Quindi, ti lascio un’idea menù per il quale i tempi di cottura sono ridotti all’osso:



Ma ora dimmi, che ne pensi di questa ricetta? Tu che rapporto hai con il congelatore, lo usi volentieri?

Se ti sarò di ispirazione e prepari anche tu questa ricetta o qualsiasi altra ricetta presente sul blog, inviami le foto, sarò felice di condividerle sulle pagine social del blog, Facebook e Instagram. Se ti fa piacere condividi il post su i tuoi social, aiuti me e il mio blog a crescere!

Buona inizio di settembre buona settimana, a presto.

Firma Raggio di Sole in Valigia

8 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: