Parigina, la pizza rustica napoletana
Ricette,  Cucina Italiana

Parigina, la pizza rustica napoletana composta da 3 strati

Da campana, innamorata follemente della città di Napoli e della cucina napoletana, oggi non potevo che condividere uno street food partenopeo che amo: la pizza parigina napoletana. Una torta rustica la cui caratteristica principale è il fatto di essere composta da due basi differenti (una pasta lievitata e una pasta sfoglia) e un cuore filante al pomodoro e prosciutto cotto.

Sembrerebbe che questa pizza sia stata preparata per la prima volta per omaggiare una sovrana del Regno delle Due Sicilie da alcuni cuochi che lavoravano a corte, da qui il nome parigina ossia pa’ regina in dialetto napoletano. Per cui nonostante il suo nome faccia pensare alla capitale francese, questo strepitoso piatto partenopeo c’entra ben poco con Parigi.

Per la base pizza di pasta lievitata ho adoperato la mia ricetta dell’impasto furbo senza impasto, simile a quello condiviso qualche tempo fa per la focaccia svelta alla zucca. La caratteristica è un impasto leggermente più idratato che non richiede lavorazione, per il quale utilizzo pochissimo lievito (ma tempi di lievitazione più lunghi), ottenendo così una base pizza estremamente digeribile e tanto saporita.

Ma ora basta chiacchiere, allaccia il grembiule, partiamo! 😉


Ricetta facile della parigina, la pizza rustica partenopea

Parigina, pizza rustica napoletana, ingredienti e procedimento

Parigina, ricetta originale della pizza rustica napoletana
Stampa Salva
5

Parigina, la pizza rustica napoletana composta da 3 strati

La parigina napoletana è un grande classico della cucina partenopea, uno street food molto particolare in sapore e preparazione. La sua caratteristica principale è il fatto di essere composto da due basi differenti (una pasta lievitata e una pasta sfoglia) e un cuore filante al pomodoro e prosciutto cotto.
Portata Secondo piatto,
Cucina Italiana
Preparazione 20 minuti
Cottura 30 minuti
Lievitazione 5 ore
Tempo totale 5 ore 50 minuti
Porzioni 8 fette
Costo basso

Utensili

  • Teglia rettangolare 30×25 cm

Ingredienti

Per l'impasto base

  • 320 g di acqua tiepida
  • 5 g di lievito di birra fresco
  • 2 cucchiaini di zucchero semolato
  • 450 g di farina 0
  • 2 cucchiai di olio EVO
  • 4 g di sale

Per la farcia

  • 200 g di passato di pomodoro
  • 200 g di mozzarella per pizza o scamorza
  • 200 g di prosciutto cotto

Per terminare la pizza parigina

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare

Procedimento

Prepara l'impasto base

  • Versa l’acqua tiepida in una tazza, aggiungi lo zucchero, il lievito e l’olio, mischia fino a far sciogliere tutto.
  • In una ciotola capiente versa la farina, mischia, fai la fontanella centrale, aggiungi l'olio e l'acqua con il lievito.
  • Mescola con una forchetta per un paio di minuti, fino ad amalgamare gli ingredienti in un composto grossolano, leggermente grumoso e abbastanza appiccicoso. Aggiungi il sale e lavora ancora un paio di minuti.
  • Copri con un piatto e fai riposare 10 minuti. Riprendi il composto e con la forchetta riporta i lembi esterni verso il centro in modo da formare delle pieghe. Copri e ripeti per un paio di volte.
  • Lascia riposare coperto fino al raddoppio, in un luogo caldo e non ventilato, a secondo della temperatura esterna ci vorranno 5-7 ore.

Prepara la pizza parigina

  • Accendi il forno in modalità statica e impostalo su 200°C.
  • Ungi la teglia con abbondante olio, con delicatezza rovescia l'impasto lievitato nella teglia, ungiti leggermente le mani e stendilo con le dita.
  • Distribuisci il pomodoro, la mozzarella tagliata a fette e il prosciutto cotto.
  • Ricopri con la pasta sfoglia, sigilla i bordi e con una forchetta bucherella la superficie.
  • Porta in forno e cuoci per circa 30-35 minuti. Se la superficie tendesse a scurirsi troppo, copri con un foglio di carta argentata.

Video Ricetta


Accorgimenti e note

L’impasto lievitato puoi prepararlo in anticipo: fai raddoppiare e porti in frigo per un massimo di 10 ore. Riportalo a temperatura ambiente prima di adoperarlo.

Non esagerare con il pomodoro altrimenti la base pizza rimane troppo umida e fa difficoltà a cuocere. Se desideri uno strato di focaccia più basso, adopera una teglia leggermente più grande. In questo caso sicuramente avrai necessità di stendere leggermente con il mattarello la pasta sfoglia, ma non esagerare altrimenti non sfoglia bene.

La parigina può essere servita tiepida o fredda. Puoi conservarla per un paio di giorni in un contenitore ermetico, ma considera che tende a perdere in fragranza.


Pizza Parigina

Altre ricette che potrebbero piacerti


Ora ti lascio, ma come sempre ti aspetto sulle pagine social del blog: Facebook e Instagram. Se sei in cerca d’ispirazione segui le mie bacheche su Pinterest: ogni giorno le arricchisco di tanti nuovi contenuti. Se ti fa piacere condividi il post su i tuoi social, aiuti me e il mio blog a crescere! Infine, se ti sarò d’ispirazione e preparerai anche tu la parigina, pizza rustica napoletana, o qualsiasi altra ricetta presente sul blog, inviami le foto, sarò felice di condividerle su i canali social del blog, oppure taggami e usa l’hashtag #viaggiocucinando.

Buona continuazione di giornata e di settimana. Alla prossima ricetta.

2 commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating